366 Off-news: A zonzo per le librerie d’Europa!

Se chiediamo ad un appassionato lettore come spende il proprio tempo libero, si sa, risponderà che lo dedica alla lettura e alla ricerca di nuovi testi da sfogliare, nuove edizioni, libri introvabili ai più. Ed oggi con le nuove tecnologie trovarli è diventato forse molto più facile rispetto ai nostri predecessori. Ma se oltre a quello che abbiamo scritto sopra provate a chiedere ad un lettore come fa a cercare e scovare tutte le bellissime storie che poi leggerà nel tempo libero non vi risponderà certo che utilizza internet (o almeno lo usa in minima parte), vi dirà che quelle bellissime storie le ha trovate aggirandosi tra gli scaffali di una libreria o di una biblioteca. Sono luoghi quasi magici, dove passare pochi minuti andando dritti dritti al volume che magari si desiderava acquistare da tempo, oppure spenderci anche delle ore passando in rassegna ogni angolo per cercare la storia giusta o lasciarsi ispirare da qualche testo che spunta dallo scaffale. Tutti hanno una libreria di fiducia dove quasi si sentono a casa, e a questo punto arriva la terza domanda che si potrebbe fare al nostro appassionato lettore: durante un viaggio che cosa non potrebbe mancare di visitare oltre le caratteristiche principali e più famose del luogo in cui si reca? Ovviamente non mancherebbe di immergersi nell’atmosfera della libreria più caratteristica. Noi oggi ve ne proponiamo alcune in giro per l’Europa:

– Libreria Acqua Alta a Venezia: i volumi sono disposti in una gondola a grandezza reale, in alcune canoe oppure in vecchie vasche da bagno o enormi catini di legno. Così, in caso di acqua alta, i libri sono già in salvo. La maggior parte dei libri è su Venezia. Ci sono però anche molti testi antichi che risalgono all’Ottocento, scritti in lingua originale, collane di fumetti non più in commercio e molti romanzi ormai introvabili.

– Shakespeare and co a Parigi:è una storica libreria situata al 37 di rue de la Bûcherie, vicino Place St.Michel, a pochi passi dalla Senna.Fondata nel 1919 da Sylvia Beach, negli anni venti divenne luogo di incontro per scrittori come Ezra Pound, Ernest Hemingway, James Joyce e Ford Madox Ford. La libreria funge sia come negozio di libri, sia come sala da lettura.
– Libreria Lello & Irmão a Porto: conosciuta anche con i nomi di Libreria “Chardron” o semplicemente Libreria “Lello”, è un’antica proprietà commerciale di Porto, ed è situata in un edificio del suo centro storico, in Rua das Carmelitas. È la seconda libreria più antica del Portogallo ed è considerata come una delle più belle del mondo.

– Libreria Daunt a Londra: è in realtà una catena di bookshop fondata dall’uomo d’affari James Daunt. Ce n’è una però, al numero 83 di Marylebone High Street, che si sviluppa all’interno di un palazzo dell’età edwardiana che già ai tempi ospitava un negozio di libri.
Quasi completamente costruita in legno di quercia, la parte della libreria che maggiormente attira l’attenzione è la galleria interamente dedicata ai libri, alle guide e alla letteratura da viaggio.

– Libreria Selexyz Dominicanen a Maastricht: è costruita all’interno di una chiesa gotica del Tredicesimo secolo. Proprio per questoal fine di tutelare il carattere distintivo della chiesa è stata progettata su due piani e sistemata in una posizione asimmetrica. In tal modo il lato sinistro della chiesa è rimasto vuoto, mentre sul versante opposto i visitatori possono percorrere gli spazi del “Bookflat”, che offre una straordinaria vista degli antichi affreschi.

– Atlantis book a Santorini: viene descritta come un piccolo angolo di paradiso in cui perdersi, immersa tra i vari negozi di suovenirs nella via principale. Una delle particolarità è che sui muriè scritta a mano la storia della libreria dalla nascita al decimo anniversario.

– La libreria Cook & Book a Bruxelles: il locale si compone di due Block separati, A e B, divisi in nove stanze a tema, ed è possibile mangiare come in un normale. Ogni stanza è dedicata ad un genere, ad esempio la prima ai fumetti, poi ce n’è una dedicata ai viaggi, un’altra ancora alla letteratura e cosi via, ed ognuna di esse ha un arredamento e disposizione dei libri particolare e caratteristica.

A questo punto non resta che augurarvi buon viaggio e buona lettura!

Marta Melchiorri

Sharing

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*